Storia

Era il 18 novembre 1968…

La fondazione di Bolzano Sub, 18/11/1968

In una stanza della vecchia sede FIPS, Federazione Italiana Pesca Sportiva in Via Goethe 21, quindici soci fondatori appartenenti a diversi ceti sociali e gruppi linguistici siglavano sotto la guida di Sebastiano Palmeri ed alla presenza del notaio Finelli la costituzione della prima associazione subacquea in Alto Adige con il nome di “BOLZANO SUB–SPORTTAUCHER CLUB BOZEN” in sigla BZ Sub – STC Bozen. La fondazione La diffusione della subacquea in tutta la Provincia di Bolzano e lo sviluppo delle varie attività e manifestazioni del Club della Bolzano Sub sono riconducibili a questi pionieri che con tenacia e determinazione hanno divulgato e insegnato a molti quest’affascinante attività sportiva.

Da allora la società è cresciuta conoscendo fasi d’alterno sviluppo e di crisi, dando corso anche a scissioni dalle quali sono scaturite altre società subacquee quali la Delfin Sub, federata FIAS, la Blu Ocean, federata PADI, l’H2O, anch’essa FIPSAS. Questi momenti sono stati affrontati con filosofia e hanno costituito validi stimoli di riflessione e di crescita, tali da ripresentare oggi la Bolzano Sub con una struttura al passo dei tempi.

Primo corso al completo con Luigi Ferraro

Per tornare alla storia… i primi soci istruttori subacquei fondarono la Scuola Federale d’immersione di Bolzano con didattica FIPSAS CMAS dando il via, dal 1969 ad oggi, insieme alla società, alla lunga lista dei brevettati FIPSAS/CMAS in Alto Adige, brevetto che è garanzia di serio e ottimo livello d’insegnamento. Il primo corso Sommozzatori fu inaugurato dal Cav. Duilio Marcante, padre fondatore della didattica FIPSAS, all’Hotel Grifone di Bolzano. L’istruttore Franco Parolari tenne con l’aiuto dei coniugi Palmeri il primo corso, frequentato da 40 allievi.

Dal 1968 l’attività della società non si è rivolta solo alla formazione di brevettati subacquei, ma si è interessata a molteplici attività sia sportive sia sociali. L’attività sportivo-agonistica ha dato e continua a dare notevoli soddisfazioni con manifestazioni sportive a livello nazionale ed internazionale che hanno fatto conoscere il nome della Bolzano Sub/STC Bozen a livello mondiale.

Coppa Primavera nel fiume Adige

La Bolzano Sub/STC Bozen ha rivolto la sua attenzione in particolare alle discipline del nuoto pinnato velocità e lunga distanza, dell’orientamento subacqueo e della fotografia subacquea. Grazie ai suoi atleti che hanno raggiunto posizioni di riguardo in campo nazionale, più volte campioni italiani e più volte chiamati in seno alla Nazionale Azzurra, la Bolzano Sub ha ottenuto numerosi riconoscimenti sportivi in Italia e all’estero nelle discipline scelte.

Il 1972 segnò l’inizio dell’attività organizzativa, con la manifestazione sportiva internazionale di Nuoto Pinnato Gran Fondo, che si svolse nel fiume Adige, e ha richiamato negli anni a Bolzano centinaia d’atleti di calibro internazionale.

La manifestazione sportiva prese poi il nome di “Coppa Primavera di Bolzano” e si spostò al lago di Monticolo; riscosse sempre gran successo, richiamando in Alto Adige numerosi atleti del nuoto pinnato nazionale e internazionale.

Altro fiore all’occhiello fu l’organizzazione della 1ª prova del Campionato Italiano d’Orientamento Subacqueo, disciplina molto interessante, ma “cenerentola” dell’attività sportiva subacquea perché purtroppo poco praticata. Infatti in Italia sono poche le società che dedicano spazio ed energie a questa disciplina, mentre all’estero è molto diffusa. L’attrezzatura necessaria (bombola da 7 lt, contametri e bussola) per svolgere questo tipo di gara potrebbe sembrare complessa, tuttavia con un po’ di buona volontà e una volta apprese le principali regole, diventa facile. La Bolzano Sub/STC Bozen mette a disposizione degli atleti alcune attrezzature complete con le quali si può provare ed eventualmente partecipare alle gare in Calendario Nazionale FIPSAS.

Andreas Perathoner fotosub

Ultima nata nell’organizzazione delle manifestazioni sportive contemplate dalla Bolzano Sub è la gara selettiva di Fotografia Subacquea alla quale è dedicato il “Trofeo Bolzano Sub/STC Bozen”. Anche questa disciplina è affascinante e coinvolgente e in seno alla società si sono formati atleti di gran pregio. Soprattutto negli ultimi anni le soddisfazioni scaturite dalla disciplina della fotografia subacquea sono state moltissime: ultima in ordine di tempo, ma senz’altro non per importanza la partecipazione di Andreas Perathoner nel settembre del 1998 ai campionati mondiali che si sono svolti in Norvegia con la classifica di campione mondiale nella fotografia creativa e con il titolo di vice campione mondiale come squadra nazionale.

Fa parte integrante dell’attività sportiva della Bolzano Sub, la Scuola di Nuoto Pinnato, che svolge la sua attività nell’ambito dei CONI, come Centro Avviamento allo Sport, nell’insegnamento del nuoto pinnato ai ragazzi da 8 a 14 anni. Questa scuola, diretta da istruttori federali competenti, che dedicano il loro tempo libero all’insegnamento della disciplina, ha plasmato numerosi allievi che a tutt’oggi svolgono nell’ambito della società una valida attività agonistica.

Fra le attività sociali spicca l’organizzazione di molte vacanze subacquee nel Mediterraneo, alla scoperta delle incantevoli isole e degli splendidi luoghi d’immersione italiani, per non parlare delle ambite mete tropicali come Maldive e Mar Rosso.

Sotto il ghiaccio a Braies

Oltre all’organizzazione di vacanze subacquee e per non andare sempre troppo lontano sono organizzate anche immersioni nei nostri laghi alpini, tra cui spiccano le operazioni laghi puliti che coinvolgono i soci nella pulizia dei fondali e nel monitoraggio delle acque degli ambienti lacustri della nostra Provincia.

Nel corso delle immersioni invernali è stato stabilito, con l’organizzazione logistica della Bolzano Sub, uno dei primi record mondiali d’immersione sotto il ghiaccio nel lago di Braies (-27 m). All’exploit sportivo si aggiunse il lato scientifico con il prelievo di campioni d’acqua e di fondale per successive analisi di laboratorio.

Il ritrovamento della piroga a Monticolo

Un momento di particolare interesse, si registra con il ritrovamento nel Lago di Monticolo di alcune canoe di legno risalenti al VII secolo d.C. e con il recupero di una di esse da parte dell’istruttore Elvino Roversi. La piroga millenaria è attualmente esposta in una teca di vetro presso il ristorante del Lido di Monticolo e rappresenta un importante pezzo d’archeologia per la nostra Provincia.

L’attività archeologica dei soci proseguí con la ricerca dei galeoni veneziani nel Lago di Garda con il Gruppo d’Archeologia Subacquea Lacustre di Sirmione.

Altro momento di splendore occorse in relazione all’attività di speleo-sub che dopo un anno d’intenso lavoro consentí di presentare il film “Dalla luce al buio e ritorno” girato dai soci del club. Il film in super 8 vinse il premio “Medaglia d’Oro” consegnato dal Presidente della Repubblica al “Festival dei Film a Passo Ridotto” organizzato a Prato dalla sede locale del CAI e dall’Azienda Autonoma del Turismo. Il cortometraggio ricevette anche il primo posto al “Festival della Montagna” e circolò, poi, tra numerosi Club subacquei e Sezioni del CAI.

Bus della Spia

La Bolzano Sub è inoltre tra i club fondatori dell’Intersub Garda, organismo costituito per la tutela dell’equilibrio idrobiologico del Lago di Garda e per il coordinamento delle attività subacquee che ivi si svolgono. Al fine di promuovere un equilibrato rapporto tra sport e ambiente la Bolzano Sub aderisce all’Ekoclub International una tra le poche associazioni ambientalistiche riconosciute dal Ministero dell’Ambiente.