Immersione al Garda | Newsletter Bolzano Sub

 
 

Newsletter Bolzano Sub

Immersione al Garda

Immersione a porto San Nicolò

Dopo il lungo isolamento dovuto alla pandemia, una bella immersione nelle (non sempre) torbide e (sempre) gelide acque del lago di Garda è proprio quello che ci vuole

😁😁😁

Se hai voglia di rispolverare l’attrezzatura e togliere un po’ di ruggine dalle tue abilità subacquee, vieni a fare un tuffo con noi a
Porto San Nicolò sabato 29 maggio alle 8:30
(bisogna essere giù presto per non avere problemi di parcheggio)

Non è un’immersione didattica, è un’immersione riservata a chiunque abbia almeno la tessera estiva Bolzano Sub, quella da 40 €.

Non ce l’hai? Iscriviti subito compilando l’apposito modulo!

Giovedì 27 maggio alle 19:00 puoi passare a prendere l’attrezzatura in sede (via San Vigilio 17, presso la scuola Rodari).

Porta con te il modulo di iscrizione con la ricevuta del versamento e l’autodichiarazione Covid-19.

Info: Heidi Zanot, Stefano Bonzi

 

Anche se non si tratterà di un’immersione didattica, riteniamo opportuno osservare le raccomandazioni FIPSAS, dove applicabili.

Estratto da Raccomandazioni su prevenzione e mitigazione del rischio nelle attività didattiche subacquee in FASE 2

1.3.1 Partecipazione e svolgimento delle esercitazioni/immersioni

  • Non devono partecipare alle esercitazioni/immersioni persone che presentino sintomi influenzali (tosse, raffreddore, ecc.) e/o con temperatura corporea superiore a 37,5 °C. La Società/CCF deve provvedere alla misurazione della temperatura corporea dei partecipanti (staff e allievi) con termometri a infrarosso.

  • Durante le esercitazioni pratiche e le spiegazioni a secco deve essere mantenuta la distanza di almeno 1 metro tra i partecipanti (staff e allievi) e devono essere adottati i dispositivi di protezione individuale (mascherina, guanti e/o gel disinfettante).

  • […]

  • In Acque Confinate o in Acque Libere, tutti gli esercizi a corpo libero devono essere effettuati rispettando la distanza di almeno 1 metro tra i partecipanti, quando le vie respiratorie sono emerse.

  • In tutti gli esercizi a corpo libero deve essere indossata la maschera, anche se non previsto nella descrizione dell’esercizio.

[…]

1.3.3 Gestione attrezzature

  • Non si devono condividere attrezzature personali (ciabatte, cuffie, muta, maschera, aeratore, erogatori, ecc.).

  • Le Società/CCF devono sanificare tutte le attrezzature messe a disposizione degli allievi; non è possibile utilizzare la stessa attrezzatura per più allievi in una stessa sessione.

  • Si raccomanda che le operazioni di sanificazione delle attrezzature siano effettuate alla presenza degli allievi immediatamente prima del loro utilizzo e, contestualmente, siano sanificate anche quelle degli allievi che utilizzano attrezzatura personale.

  • Le attrezzature degli allievi non devono essere messe a contatto le une delle altre durante la movimentazione e, quando poggiate a terra, devono essere mantenute ad almeno 1 m di distanza.

1.3.4 Esercizi e procedure

  • […]

  • Non si deve effettuare il trattamento anti-appannamento della maschera con la saliva, essendo questa uno dei principali veicoli del virus. Si raccomanda l’uso di prodotti specifici e/o sapone.

  • Non si deve effettuare lo svuotamento dell’aeratore a bocca, perché l’aria espirata, attraverso gli schizzi, potrebbe facilmente raggiungere le [altre] persone […].

  • Non si deve effettuare il gonfiaggio del GAV a bocca, specialmente se si utilizza attrezzatura non personale, perché l’interno del GAV non è di facile sanificazione.

  • Il controllo dell’erogatore secondario in superficie deve essere fatto senza respirarci, ma premendo 2-3 volte il tasto di spurgo.

  • Durante gli esercizi didattici in BD (o AC) e AL non si deve mai respirare da un erogatore di un altro subacqueo.

  • […]

1.3.5 Gestione emergenze reali

La gestione con successo di un’emergenza subacquea (che se non risolta comporta conseguenze gravi) è in ogni caso prioritaria rispetto alle raccomandazioni su un possibile contagio da COVID-19.

[…]